Concertisti Classica, la musica classica in Italia
La Musica Classica in Italia
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Silvia
Colasanti

La compositrice italiana più affermata sulla scena internazionale

‘La musica di Silvia Colasanti prende, arriva al pubblico. Ed emoziona, noi per primi che la suoniamo.’ Salvatore Accardo

Nel 2013 vince lo European Composer Award (Berlino). Nel 2017 è nominata dal Presidente della Repubblica Mattarella Ufficiale della Repubblica. Nel 2021 riceve il ‘Franco Buitoni Award’, premio istituito dalla fondatrice del BBTrust Ilaria Borletti Buitoni. Insegna al Conservatorio ‘S. Cecilia’ di Roma. È presente con le proprie composizioni nelle principali istituzioni musicali internazionali.


Di fondamentale importanza per la costruzione della sua poetica, tra gusto “materico” del suono, forte lirismo e ricchezza di registri, è la collaborazione con solisti e direttori di calibro internazionale, quali Vladimir Jurowski, Yuri Bashmet, Salvatore Accardo, David Geringas, Nathalie Dessay, Roberto Abbado, Massimo Quarta, Maxime Pascal.


Tra i recenti impegni la rappresentazione a maggio 2022 di Oltre l’azzurro dramma in musica, su testo di Maria Grazia Calandrone, commissione dell’Opera del Duomo per la celebrazione dei 600 anni della costruzione della Cupola del Brunelleschi, con la voce recitante di Massimo Popolizio, a ottobre 2022 la prima esecuzione di Esercizi per non dire addio, nella versione per 2 violini e orchestra d’archi per Massimo e Alessandro Quarta in apertura del Festival Stradivari a Cremona, la residenza appena conclusa presso La Toscanini di Parma, la residenza presso l’Orchestra Sinfonica di Milano, che si concluderà nel 2023 con la prima esecuzione a febbraio di Time’s cruel hand, per controtenore e orchestra e in maggio la ripresa di Heroides, tre monodrammi per attrice, coro femminile e orchestra, con Maddalena Crippa e la direzione di Oksana Lyniv.


Il concorso ‘Paganini’ di Genova e il Tibor Varga International Violin Competition di Sion le commissionano i pezzi d’obbligo per l’anno 2023. Firma le musiche per la Medea di Euripide con la regia di Federico Tiezzi che sarà rappresentata al Teatro greco di Siracusa per la Fondazione Inda. Nel 2020 è coinvolta nel progetto ‘Canto della rinascita’ della Società del Quartetto di Milano, in cui presenta ‘Novemarzoduemilaventi’, su testo di Mariangela Gualtieri, interpretato da Elio de Capitani e Sentieri Selvaggi, diretti da Carlo Boccadoro.


Con Raffaele Pe e La lyra di Orfeo realizza ‘Frammenti di Lettere amorose’ per il progetto del Ministero degli Esteri ‘Vivere all’italiana in musica’. Ancora con Raffaele Pe e Mariangela Gualtieri è presente allo Sferisterio di Macerata nell’estate 2021 con ‘D’un immortale amor’ Musica e versi su Amore, Tempo e Morte.


Nell’ottobre 2017 ha presentato al Teatro Comunale di Bologna un nuovo lavoro per violoncello e archi scritto per David Geringas. Nel 2018 ha inaugurato il Festival di Spoleto con l’opera Minotauro, su testo di Réné De Ceccatty e Giorgio Ferrara, tratto dall’omonimo racconto di Dürrenmatt, per la regia di Giorgio Ferrara. Questa è la prima opera di una Trilogia sul Mito che prosegue con l’opera Proserpine, da un dramma di Mary Shelley e con Arianna, Fedra, Didone, Tre monodrammi per voce recitante, Coro femminile e orchestra su testi di Ovidio.


Nel 2016 debutta in prima assoluta al Festival dei Due Mondi di Spoleto Tre Risvegli, su testo di Patrizia Cavalli, per la regia di Mario Martone, protagonista Alba Rohrwacher.


Nel 2017, nella Giornata della Memoria, è stato eseguito Le imperdonabili, ispirato alla figura di Etty Hillesum su testo di Guido Barbieri e regia di Alessio Pizzech; torna a Spoleto con Requiem. Stringeranno nei pugni una cometa. Oratorio per Soli, Coro e Orchestra, in memoria delle vittime del terremoto del Centro Italia, commissionato dal Festival di Spoleto, su testi di Mariangela Gualtieri, ripreso successivamente alla Verdi di Milano e al Festival Transart di Bolzano.


Ha scritto per il teatro il melologo Orfeo. Flebile queritur lyra interpretato da Maddalena Crippa, L’angelo del Liponard. Un delirio amoroso interpretato da Sandro Lombardi, Faust. Tragedia soggettiva in musica su testo di F. Pessoa, commissionato e rappresentato all’Accademia Chigiana da Ferdinando Bruni per la regia di Francesco Frongia.


Nel 2012 il Maggio Musicale Fiorentino le commissiona l’opera lirica La Metamorfosi, su libretto tratto dall´omonimo racconto di Franz Kafka e regia di Pier Luigi Pier’Alli, che sarà successivamente ripresa nel 2014.


Deve la sua formazione allo studio con il M. Luciano Pelosi, al Conservatorio Santa Cecilia di Roma e agli incontri con Fabio Vacchi, Wolfgang Rihm, Pascal Dusapin e Azio Corghi.


Nel 2020 è uscito il CD di Quartetti d’archi, interpretati dal Quartetto Nous per la Brilliant Classic. Il suo primo cd monografico s’intitola In-Canto (2011), cui segue la pubblicazione di Requiem (2018), sempre per Dynamic.


Le sue opere sono pubblicate da Casa Ricordi.

Ph: Barbara Rigon Photographer
cc_concertisti_classica_g_b_r
Ti potrebbe interessare
  • Da non perdere

    Approfondimenti

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Arena di Verona Opera Festival

    Dal 7 Giugno al 7 Settembre ’24

    Festival Verdi di Parma e Busseto, XXIV Edizione

    Dal 21 Settembre al 20 Ottobre ’24

    LacMus Festival 2024

    Dal 9 Luglio al 21 Luglio ’24

    Bologna Festival 2024 – 43ª edizione

    Dal 18 Marzo al 6 Novembre ’24

    Lucca Classica X edizione

    Dal 24 AprileTerminato il 28 Aprile ’24

    Concorsi

    Notizie