Concertisti Classica, la musica classica in Italia
La Musica Classica in Italia
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
@ Festival
Rome Chamber Music Festival 2022 – XIX edizione
Al Teatro Argentina il Festival fondato da Robert McDuffie, sul palco 42 artisti da tutto il mondo
Torna il Rome Chamber Music Festival fondato dal celebre violinista americano Robert McDuffie: la XIX edizione si svolgerà al Teatro Argentina di Roma dal 26 al 29 giugno 2022.

Sono quattro gli appuntamenti in programma (tutti alle ore 20) per un intrigante cartellone che spazia dal barocco al contemporaneo, in un frizzante mix di generi e stili.

Sul palco saliranno 42 artisti – di cui 35 giovani e giovanissimi musicisti – che giungeranno a Roma dai quattro angoli del mondo: Canada, Cina, Corea del Sud, Germania, Francia, Italia, Malesia, Polonia, Regno Unito, Slovacchia e Stati Uniti d’America.

I giovani talenti si cimenteranno ala fianco di grandi maestri del panorama concertistico internazionale, come Robert McDuffie – ideatore e direttore artistico del Festival -, il contralto Sara Mingardo, i violinisti Nicholas Mann e Giorgio Fava, la pianista Elena Matteucci, il violista Luca Sanzò, Ivano Zanenghi al liuto, Michael Barrett (sintetizzatore), Guglielmo Pellarin (corno) e altri ancora.

Insieme, in uno stimolante incontro tra generazioni diverse, daranno veste sonora al immaginifico e sempre originale cartellone impaginato da Robert McDuffie per il Rome Chamber Music Festival 2022: un percorso dal barocco di Vivaldi e Haendel alla contemporaneità di Philip Glass e della giovane Valentina Scheidhofen Ciardelli, passando per Schubert e Brahms, Respighi, Stravinsky e Barber, i songs di Broadway e le canzoni di David Bowie.

Particolare l’arrangiamento originale commissionato per i due celebri affreschi sonori di Ottorino Respighi dedicati a Pini e alle Fontane di Roma – un doveroso omaggio all’infinita bellezza della Città eterna, come sottolinea il maestro McDuffie – e non mancheranno brani di rara esecuzione come il Concerto ‘Dumbarton Oaks’ di Stravinsky, o le arie di Haendel dedicate al Marchese Ruspoli, composte a Roma agli inizi del ‘700.

Molta attesa anche per la Suite dedicata a David Bowie – pezzo della giovane compositrice e contrabbassista italo-tedesca Valentina Scheidhofen Ciardelli, che sarà presentato in prima assoluta – e per l’ormai classico Philip Glass, con il concerto ‘Le quattro stagioni americane‘ da lui espressamente composto per Robert McDuffie e il suo straordinario violino Guarneri del Gesù.

La programmazione del Rome Chamber Music Festival – appuntamento ormai tradizionale nel panorama musicale romano e internazionale – ha la sua cifra proprio nella mescolanza di generi e stili musicali, affiancati senza snobismi, con uno spirito tipicamente americano. Il Festival infatti non ha mai inteso la musica da camera come ambito culturale riservato a soli raffinati intenditori, ma vuole rivolgersi ad un pubblico più vasto, dimostrando in pratica come la distinzione tra musica colta, tradizionale e pop possa essere superata, grazie a innumerevoli punti di contatto.

Uno spirito che Robert McDuffie stesso sintetizza al meglio quando con le sue scelte artistiche ribadisce, anno dopo anno, la necessità di “abbattere l’idea che la musica classica sia un oggetto d’antiquariato”.

 

C’è dell’Altro

Il Rome Chamber Music Festival e i giovani musicisti

I giovani talenti, astri nascenti del concertismo internazionale, sono particolarmente numerosi in questa XIX edizione del Rome Chamber Music Festival grazie alla presenza dei tanti vincitori dello Young Professional Program, iniziativa che promuove i giovani professionisti della musica classica e del crossover. L’attenzione ai giovani è da sempre parte della ‘mission’ del festival, inteso anche come luogo di formazione che offre una grande opportunità di crescita personale, artistica e professionale alle nuove generazioni di musicisti, premiando il loro talento e i loro meriti.

La possibilità di entrare in contatto con maestri e artisti di fama consolidata e l’opportunità di studiare, provare e suonare al loro fianco, esibendosi poi di fronte al pubblico nei concerti del Rome Chamber Festival rappresenta un’occasione di eccezionale valore per la formazione e la carriera dei giovani musicisti. La trasmissione del sapere classico, così, nel serrato dialogo tra Europa e Stati Uniti, entra nel terzo millennio.  

Evento Collegato

Rome Chamber Music Festival 2022 – XIX edizione

Concertisti Classica

  • Da non perdere

    Approfondimenti

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Arena di Verona Opera Festival

    Dal 7 Giugno al 7 Settembre ’24

    Festival Verdi di Parma e Busseto, XXIV Edizione

    Dal 21 Settembre al 20 Ottobre ’24

    LacMus Festival 2024

    Dal 9 Luglio al 21 Luglio ’24

    Bologna Festival 2024 – 43ª edizione

    Dal 18 Marzo al 6 Novembre ’24

    Lucca Classica X edizione

    Dal 24 AprileTerminato il 28 Aprile ’24

    Concorsi

    Notizie