Roma, a Santa Cecilia Antonio Pappano dirige Turandot con Kaufmann e Radvanovsky
È la prima volta che Pappano dirige l’ultima opera di Puccini, protagonisti Sondra Radvanovsky e Jonas Kaufmann al debutto nei ruoli di Turandot e Calaf

Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia Presenta

Sarà una Turandot speciale, quella in programma il 12 marzo (ore 18) a Roma, nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica: una Turandot dal triplice debutto assoluto, per Antonio Pappano che non l’aveva mai diretta nella sua carriera, e per i due interpreti principali che affrontano per la prima volta i rispettivi ruoli, il soprano statunitense Sondra Radvanovsky che sarà Turandot e il tenore tedesco Jonas Kaufmann, che darà corpo e voce al principe Calaf. Sarà anche la prima volta che l’opera estrema di Puccini entra nei cartelloni dell’Accademia di Santa Cecilia.

Sul podio dell’Orchestra, del Coro e delle Voci Bianche dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia (istruiti da Mario Monti), Pappano avrà un cast d’ eccezione che annovera anche Ermonela Jaho (Liù), Michael Spyres (Altoum), Gregory Bonfatti (Pang), Siyabonga Maqungo (Pong), Mattia Olivieri (Ping), Michele Pertusi (Timur) e Michael Mofidian (Un Mandarino).

Annunciato come “l’evento musicale più atteso dell’anno e tra le produzioni discografiche più importanti del 2023”, Turandot sarà presentata in forma di concerto e con il finale originale del compositore Franco Alfano.

L’etichetta Warner Classics ne trarrà un CD, registrato nelle settimane precedenti il concerto, che anticiperà di un anno il centenario della scomparsa di Puccini nel 2024.

Turandot, ultima opera e testamento musicale di Giacomo Puccini, nacque dalla collaborazione con i librettisti Giuseppe Adami (autore anche dei libretti della Rondine e del Tabarro) e Renato Simoni, ed è liberamente ispirata alla famosa fiaba teatrale omonima di Carlo Gozzi (1762).

Il compositore iniziò a lavorare all’opera nella primavera del 1920, ma la morte lo colse durante la composizione del terzo atto. Rimasero così incompiuti il duetto fra Calaf e Turandot e il quadro conclusivo.

Incompiutezza che ha acceso il dibattito tra gli studiosi, tra chi la riconduce all’inesorabile progredire del male che aveva colpito Puccini, e coloro che ne vedono la causa nell’intima impossibilità del Maestro di sciogliere il nodo cruciale del dramma, la trasformazione della principessa Turandot, fredda e sanguinaria, in una donna innamorata.

L’opera andò in scena al Teatro alla Scala di Milano il 25 aprile 1926, due anni dopo la morte dell’autore, diretta da Arturo Toscanini, con la regia di Giovacchino Forzano. È noto l’episodio che vide Toscanini posare la bacchetta, dopo l’ultima scena scritta dal Maestro, due battute dopo il verso “Dormi, oblia, Liù, poesia!” rivolgendosi al pubblico con le parole: “Qui finisce l’opera, perché a questo punto il Maestro è morto.”. La sera seguente l’opera fu rappresentata, sempre sotto la direzione di Toscanini, con il finale di Alfano, che verrà eseguito anche nella serata di Santa Cecilia.

“Turandot è un’opera che in passato ho evitato di dirigere – ha commentato Antonio Pappano, che di Puccini ha già inciso La bohème, Il trittico, La rondine, Tosca, Madama Butterfly – tuttavia, col passare del tempo ho subito il fascino della partitura, dell’orchestrazione, della sua concezione […] Turandot è permeata da una splendida raffinatezza, che ha modo di emergere in un lavoro pieno di graffiante ironia. Puccini si muove tra tragedia e leggerezza, ed è un aspetto che mi piace molto.

C’è, poi, tutta la vicenda del finale, che è assolutamente affascinante. […] Alfano non era geniale come Puccini, tuttavia il suo finale dal punto di vista teatrale funziona, e quindi abbiamo deciso di eseguirlo il 12 marzo e di registrarlo in disco, comprese le circa 104 battute soppresse da Toscanini.

Turandot è un’opera perfetta per il Coro e per l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, e la sala Santa Cecilia ha l’acustica ideale per renderla al meglio. Spero di realizzare una esecuzione molto bella”.

*

(In alto, Turandot, locandina di Leopoldo Metlicovitz, 1926, in basso , Sondra Radvanovsky, photocredit © Michael Cooper)
Roma, a Santa Cecilia Antonio Pappano dirige Turandot con Kaufmann e Radvanovsky

Interpreti

Orchestra, Coro e Voci Bianche dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

direttore Antonio Pappano

soprano Sondra Radvanovsky (Turandot)
soprano Ermonela Jaho (Liù)
tenore Jonas Kaufmann (Calaf)
tenore Leonardo Cortellazzi (Altoum)
tenore Gregory Bonfatti (Pang)
tenore Siyabonga Maqungo (Pong)
baritono Mattia Olivieri (Ping)
basso Michele Pertusi (Timur)
baritono Michael Mofidian (Mandarino)
tenore Francesco Toma (Principe di Persia)
soprano Valentina Iannotta (Ancella I)
soprano Rakhsha Ramezani Melami (Ancella II)

Programma

Giacomo Puccini

Turandot
dramma lirico in tre atti e cinque quadri

in forma di concerto

In Evidenza

In occasione del concerto, dal 10 al 27 marzo al Museo degli strumenti musicali del Parco della Musica sono in mostra alcuni costumi e gioielli di scena risalenti alla prima assoluta di Turandot (1926),

La fortuita scoperta dei materiali risale al 2018, quando al Museo del Tessuto di Prato venne proposta l’acquisizione di un misterioso baule proveniente dal guardaroba del soprano Iva Pacetti. Nel contenuto sono stati poi riconosciuti due costumi e due gioielli di scena disegnati e realizzati dal costumista della Scala Luigi Sapelli per Rosa Raisa, prima interprete di Turandot.

Grazie all’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia, verrà esposto anche un costume della Turandot dell’Opera di Pechino.

Luogo

Fondazione Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Roma
L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è una delle più antiche istituzioni musicali al. . .

Scopri di più

Eventi Correlati

Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con Kirill Petrenko e Boris Giltburg
Il direttore principale dei Berliner Philharmoniker dirige l’Orchestra e il pianista Boris. . .

Scopri di più
Inaugurazioni: l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia apre con Mahler, dirige Jakub Hrůša
Il nuovo Direttore Ospite Principale sul podio con la Sinfonia n. 2 di Gustav Mahler

Scopri di più
Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Stagione 2021-22
Un ricchissimo carnet di proposte per la nuova Stagione della Fondazione romana, in. . .

Scopri di più
Roma, Concerto di Natale in omaggio a Enrico Caruso all’Accademia di Santa Cecilia
Caruso 100, omaggio nel centenario della scomparsa, sul palco il tenore Javier Camarena,. . .

Scopri di più
Maurizio Pollini all’Accademia di Santa Cecilia
Il grande Maestro torna.a Roma con un programma dedicato a Beethoven, Schumann, Chopin

Scopri di più
Il controtenore Raffaele Pe debutta all’Accademia di Santa Cecilia
Star del barocco, Raffaele Pe con il suo ensemble La lira di Orfeo proporrà un prezioso. . .

Scopri di più
Roma, Turandot al Teatro dell’Opera è firmata da Ai Weiwei, dirige Oksana Lyniv
Una nuova lettura del capolavoro di Puccini nella visione dell’artista e attivista cinese,. . .

Scopri di più

Autore: Uber Bertiè

concertisti-classica-logo-80x80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
  • ADV0

    Condividi

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Al Lirico di Cagliari va in scena La sonnambula di Bellini
    L’’allestimento, ideato da Bepi Morassi. . .
    Cagliari, 13 Maggio alle 20:30

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti

    Notizie

    ADV0