Il Festival di Ravello
Ravello Festival
Organizzatore: Fondazione Ravello
Il Festival di Ravello, nato nel 1953, affonda tuttavia le radici in una serie di iniziative precedenti che ne fanno uno degli appuntamenti musicali più antichi d’Italia. Nato come festival wagneriano, ha via via allargato la programmazione inserendosi nel grande circuito concertistico internazionale, in particolare con la presenza di celebri orchestre sinfoniche. Curato dalla Fondazione Ravello, il Festival ha sede a Villa Rufolo dove è allestito lo spettacolare palco a strapiombo sul mare.

Il Festival di Ravello deriva da una serie di iniziative precedenti che ne fanno uno dei più antichi festival italiani. Si deve a Paolo Caruso e a Girolamo Bottiglieri l’ideazione dell’evento culturale che più di ogni altro avrebbe contribuito a costruire l’identità di Ravello come “Città della musica”.

Tutto nasce dalla folgorazione che Richard Wagner ebbe nel vedere i magnifici giardini di Villa Rufolo, che gli ispirarono l’ambientazione del Giardino di Klingsor, quadro scenico del II atto del Parsifal (prima rappresentazione Bayreuth 1882).

Giunto a Ravello nel 1880 a dorso di mulo, Wagner visitò la villa, resa splendida e accogliente dal filantropo scozzese Francis Neville Reid (1826 – 1892). La felice commistione di reminiscenze arabo-normanne, rimaneggiamenti ottocenteschi, la ricchezza della vegetazione, il panorama superbo incantarono il compositore: “Il Magico Giardino di Klingsor è trovato” come recita il celebre autografo, lasciato nell’albo della Pensione Palumbo a ricordo di quel giorno memorabile.

L’associazione del nome di Wagner alla Villa Rufolo era troppo intrigante per non pensare ad allestirvi dei concerti wagneriani: infatti negli anni Trenta, l’Orchestra del Teatro di San Carlo vi si esibì più di una volta, con programmi legati appunto a Wagner.

L’idea rimase nell’aria, così che Paolo Caruso la ripropose, venti anni dopo, aggiungendovi l’ardita soluzione logistica di un palco sospeso nel vuoto, arditamente proteso verso il mare. L’iniziativa prese corpo grazie all’impegno dell’Ente Provinciale per il Turismo, allora diretto da Girolamo Bottiglieri e, nell’estate del 1953, in occasione del settantesimo anniversario della morte di Wagner, i “Concerti wagneriani nel giardino di Klingsor” (così la copertina del programma) presero avvio con due serate affidate all’Orchestra del Teatro di San Carlo. Per anni Wagner è rimasto nume tutelare del festival e tuttora un’attenzione particolare viene riservata alle sue musiche.

Nel 2010 è stato inaugurato l’Auditorium Oscar Niemayer, progettato dal celebre architetto brasiliano, e costruito per dotare il festival di una sede al coperto.

Il Ravello Festival è curato dalla Fondazione Ravello, una delle principali istituzioni culturali della Regione Campania, costituita l’11 giugno 2002.

La Fondazione ha due scopi strategici fondamentali: la tutela e la valorizzazione di beni artistici e storici di una delle città più attrattive dell’alta Costa d’Amalfi, e la programmazione di attività culturali di rilievo internazionale che siano veicolo di conoscenza e promozione del prestigioso patrimonio monumentale in cui esse si svolgono contribuendo, in ultima analisi, al permanere di Ravello tra le tappe irrinunciabili del viaggio in Italia.

Ravello Festival
Nel corso di mezzo secolo, sul palco del festival si sono alternate orchestre sinfoniche prestigiose  (Staatskapelle di Dresda, Münchner Philharmoniker, Royal Philharmonic, London Symphony Orchestra, complessi del Teatro Kirov di Leningrado e della Gewandhaus di Lipsia, Orchestra Nazionale della Rai, Orchestra del Maggio Musicale, Orchestre National de France, Filarmonica di San Pietroburgo, Orchestra Giovanile di Caracas);

noti complessi da camera (la Chamber Orchestra of Europe, la Camerata Academica del Mozarteum di Salisburgo, il Trio di Trieste, il Quartetto Italiano);

illustri direttori (Ashkenazy, Barbirolli, Barenboim, Chung, Davis, Frühbeck de Burgos, Gergiev, Järvi, Maazel, von Matacic, Mehta, Pappano, Penderecki, Prêtre, Semkow, Sinopoli, Spivakov, Tate, Temirkanov e Tilson-Thomas); importanti solisti (Argerich, Asciolla, Canino, Cassado, Ciccolini, Glass, Kempff, Lindbergh, Lupu, Pogorelich, Rampal, Repin, Rostropovich, Ughi, Weissenberg);

famosi jazzisti (Bollani, Caine, laHancock, Marsalis);

prestigiosi cantanti lirici (Behrens, Christoff, Cura, Domingo, Jerusalem, Meier, Raimondi, Salminen, Urmana).

*

L’incanto dei concerti e degli spettacoli di danza en plein air che si ripete ogni anno in Villa Rufolo dipende in parte non secondaria dal palco su cui si avvicendano le orchestre, i corpi di ballo e i singoli artisti. Si tratta, infatti, di una costruzione arditissima, che sporge fuori dal parapetto dei giardini, su uno strapiombo di ben 15 metri. L’effetto è suggestivo e ha contribuito non poco al successo del Festival.

Eventi Correlati

Ravello Festival 2021 – 69ᴬ Edizione – Ravello
69ᴬ Edizione

Direttore artistico: Alessio Vlad
Fondazione Ravello

Dal 06 Lug al 28 Agosto 2021

Scopri di più

Contenuti realizzati con il contributo del sito web dell’Organizzazione
concertisti-classica-logo-80x80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
Se ti piace Ravello Festival fallo sapere ai tuoi amici
  • ADV0

    Condividi

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Al Lirico di Cagliari va in scena La sonnambula di Bellini
    L’’allestimento, ideato da Bepi Morassi. . .
    Cagliari, 13 Maggio alle 20:30

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti

    Notizie

    ADV0