Concertisti Classica, la musica classica in Italia
La Musica Classica in Italia
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Articolo
L’italiano, regina indiscussa dell’opera, ma non l’unica diva a solcare il palcoscenico!
Dall’Italiano al Russo, dal Francese al Tedesco. Scopriamo le lingue che hanno fatto grande l’Opera
L’opera lirica, pur essendo una forma d’arte intrinsecamente italiana, ha nel tempo trovato espressione in un’ampia varietà di lingue. Nonostante l’italiano detenga una posizione di prim’ordine nel campo operistico, esso non è l’unico linguaggio utilizzato.

Le prime opere liriche sono state concepite in Italia tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento da compositori di spicco come Monteverdi. Nel corso del periodo barocco, l’opera si diffuse in tutta l’Italia, e i libretti italiani mantennero il loro predominio anche nella successiva era classica. La stessa parola “opera” sottolinea l’intenzione originaria di unire in un’unica forma d’arte elementi quali la poesia, la danza e la musica. Con il passare degli anni, l’opera italiana ha visto importanti evoluzioni stilistiche grazie alla sua predominante influenza sulla scena internazionale. Compositori italiani di grandissimo calibro come Puccini, Donizetti, Rossini, Bellini e Verdi hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’opera.

Successivamente alla consacrazione dell’opera italiana, i compositori tedeschi iniziarono a sperimentare questa forma d’arte. La prima opera in lingua tedesca fu “Dafne”, composta da Heinrich Schütz nel 1627. Solo verso la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo, altri compositori tedeschi, come Telemann e Handel, iniziarono a dedicarsi all’opera. In quel periodo, molti di essi optarono per la composizione di opere in lingue straniere, principalmente in italiano, reputato allora la lingua della sofisticata eleganza aristocratica. Le opere in tedesco erano più comunemente destinate a un pubblico più ampio e presentavano melodie ispirate alla musica folkloristica. Con l’avvento di Mozart alla fine del XVIII secolo, l’opera tedesca iniziò a guadagnare sempre più popolarità, aprendo la strada a compositori del calibro di Beethoven, Weber, Schubert, Wagner e Richard Strauss, figure chiave nel definire l’opera tedesca.

Parallelamente al percorso di sviluppo dell’opera italiana e tedesca, la tradizione operistica francese ha avuto un suo percorso distintivo. Lully, a partire dal 1670, ha svolto un ruolo di primo piano nell’opera francese, e la sua musica ha influenzato successivi compositori come Rameau, che hanno contribuito a mantenere viva la tradizione dell’opera francese. Questa forma d’arte ha mantenuto una propria unicità rispetto all’opera italiana e ha goduto di un forte sostegno in Francia durante tutto il XVIII secolo e oltre.

La tradizione operistica russa, invece, ha preso piede nel XIX e XX secolo, grazie agli sforzi pionieristici di compositori come Mikhail Glinka. Successivamente, compositori come Musorgskij, Borodin, Ciajkovskij e Rimsky-Korsakov hanno contribuito a sviluppare ulteriormente la tradizione operistica russa. Nel corso del XX secolo, compositori come Rachmaninov, Stravinsky, Prokofiev e Shostakovich hanno arricchito l’opera russa con le loro opere innovative e audaci.

Oltre alle tradizioni operistiche italiane, tedesche, francesi e russe, diverse altre nazioni hanno lasciato il loro inconfondibile segno sulla scena operistica mondiale, arricchendone l’eterogeneità linguistica e stilistica.

In Spagna, l’opera si è sviluppata attraverso compositori come Manuel de Falla e Isaac Albéniz. La loro musica, che integra elementi della tradizione folkloristica spagnola, ha contribuito a creare un genere unico che rispecchia la cultura del loro paese.

Anche la Polonia ha una significativa tradizione operistica. Compositori come Stanisław Moniuszko hanno scritto opere in lingua polacca, creando melodie che risuonano con la profondità della cultura e della storia polacca.

In Ungheria, il compositore Béla Bartók ha creato opere originali in lingua ungherese. Le sue opere, tra le quali spicca il “Castello del duca Barbablù”, hanno contribuito ad arricchire il panorama operistico con l’aggiunta di nuove forme espressive e strumentali.

Per quanto riguarda l’Armenia, ha avuto il suo impatto sull’opera grazie a compositori come Aram Khachaturian. Le sue opere, come “Spartaco” e “Gayane”, mostrano una combinazione unica di melodie orientali e occidentali, riflettendo l’intersezione culturale dell’Armenia.

Ogni paese e ogni lingua aggiunge qualcosa di unico all’opera. La sonorità della lingua inglese, per esempio, ha ispirato grandi opere come quelle di Benjamin Britten e George Gershwin. La bellezza della lingua ceca si riflette nelle opere di Bedřich Smetana e Antonín Dvořák. In Asia, la tradizione dell’opera cinese e giapponese ha dato vita a forme d’arte altrettanto affascinanti e distinte.

L’opera, dunque, è una forma d’arte veramente internazionale, con ogni lingua e cultura che contribuisce a creare un ricco mosaico di espressioni artistiche. La lingua italiana potrebbe essere la “regina” dell’opera, ma ogni lingua ha il suo ruolo e la sua importanza, contribuendo a creare la straordinaria diversità di stili e di voci che rende l’opera una forma d’arte tanto affascinante e coinvolgente.

Nell’universo dell’opera, ogni lingua e cultura occupa un posto sul palcoscenico, in un incantevole spettacolo di diversità e di connessione universale. Sebbene l’italiano possa essere considerato il “primo violino” di questa orchestra globale, ciascuno degli altri strumenti ha il suo ruolo fondamentale nel creare la sinfonia complessiva.

Ma alla fine, ci ricordiamo sempre che l’opera è come un canto d’amore all’Italia che rimane la regina indiscussa di questa straordinaria forma d’arte.

C’è dell’altro

La storia dell’opera inizia con la Dafne di Jacopo Peri nel 1598, ma è con L’Orfeo di Monteverdi del 1607 che l’opera lirica si afferma. Mentre la musica e la danza erano già presenti nelle opere teatrali dall’antica Grecia, l’idea di un dramma interamente cantato si sviluppò più tardi.
Le prime opere si svolgevano a Firenze, con gli “intermedi” musicali che intrattenevano la Casata dei Medici. La Dafne di Peri e l’Euridice di Caccini utilizzavano il recitativo, un’armonia che si collocava tra il parlato e il canto.
Monteverdi, ispirato ai miti greci, scrisse L’Orfeo nel 1607, con idee più ambiziose. Mentre Peri usava strumenti modesti, Monteverdi aveva una visione più ampia e innovativa. Questi primi esempi di opera lirica hanno gettato le basi per il futuro sviluppo di questo genere musicale.

Notizie ed Eventi Correlati

Claudio Monteverdi, uno dei più grandi visionari della musica

Come Beethoven, circa 200 anni dopo, ha rapidamente padroneggiato ed esaurito la . . .

  • Da non perdere

    Approfondimenti

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Festival Toscano di Musica Antica 2024, Pisa

    Dal 27 Giugno. Terminato il 7 Luglio ’24

    Trasimeno Music Festival 2024 | 19ª edizione

    Dal 27 Giugno. Terminato il 3 Luglio ’24

    67° Festival dei Due Mondi di Spoleto

    Dal 28 Giugno. Terminato il 14 Luglio ’24

    Amiata Piano Festival 2024 | XIX edizione

    Dal 29 Giugno al 1 Settembre ’24

    Ravello Festival 2024 • 72ª edizione

    Dal 30 Giugno al 25 Agosto ’24

    Festival Illica 2024 | XI edizione • Castell’Arquato

    Dal 4 Luglio. Terminato il 7 Luglio ’24

    Concorsi

    Notizie