Concertisti Classica, la musica classica in Italia
La Musica Classica in Italia
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Articolo
La genialità senza confini di Ferruccio Busoni: tra virtuosismo pianistico e sperimentazioni musicali
La vita e l’eredità del grande musicista e pensatore del XX secolo
Ferruccio Busoni, un uomo del Rinascimento che ha anticipato il futuro della musica, è stato un artista poliedrico, che ha eccelso come compositore, librettista, pianista, direttore d’orchestra, insegnante, filosofo, esteta e critico. Nonostante la sua straordinaria carriera, Busoni viene spesso trascurato, forse perché la sua musica non si lega a una specifica tradizione nazionale come quella dei suoi contemporanei Sibelius e Nielsen. Tuttavia, Busoni era un cosmopolita che ha cercato una voce personale in un momento in cui il linguaggio musicale subiva cambiamenti sismici, anticipando molti sviluppi futuri.

Ferruccio Busoni è nato il 1° aprile del 1866 a Empoli, in Toscana, ma la sua famiglia si trasferì a Trieste quando era ancora un neonato, facendolo crescere in un ambiente cosmopolita orientato alla cultura tedesca.

Busoni ha studiato al Conservatorio di Vienna a partire dal 1875, all’età di nove anni. Nonostante abbia ricevuto l’incoraggiamento da parte di personalità come Brahms e Hanslick, Busoni si sentiva insoddisfatto dell’insegnamento e lasciò la scuola dopo solo due anni. Successivamente, nel 1881, Busoni cominciò a studiare composizione a Graz con Wilhelm Mayer, il quale incoraggiò il suo amore per Mozart e il suo interesse per il misticismo e l’orientalismo.

Durante la sua vita, Busoni ha svolto numerosi incarichi di insegnamento in varie città del mondo, come Helsinki, Mosca e New York. Tuttavia, ha trascorso gran parte della sua vita a Berlino, con brevi periodi trascorsi altrove, come durante la Prima Guerra Mondiale, quando si trasferì a New York, Bologna e Zurigo. La sua musica riflette una dualità unica tra la tradizione tedesca e italiana.

La mancanza di una chiara identità nazionale è solo una delle molte sfaccettature della visione musicale di Busoni, che sfida ogni classificazione. Nonostante la sua formazione compositiva tradizionale e il suo repertorio che spazia dalla musica da camera alle partiture orchestrali e opere per pianoforte, Busoni è considerato un prodotto del suo tempo.

C’è dell’altro

Come Liszt, uno dei suoi idoli, Busoni era conosciuto nel mondo della musica soprattutto come un pianista brillante che affascinava il pubblico con letture sublimi della musica tarda di Beethoven. Seguiva anche il suo grande predecessore nella forte predilezione per la trascrizione, riconfigurando in particolare la musica per tastiera di Bach con effetti impressionanti. Ascoltando la magnifica cattedrale sonora che si sprigiona nel meraviglioso arrangiamento di Busoni della Ciaccona per violino solo del grande maestro, si potrebbe pensare a lui come a un rappresentante del tardo romanticismo.

Tuttavia, definire Busoni un compositore tardo-romantico sarebbe fuorviante. È vero che il Concerto per pianoforte e orchestra del 1904 è un’opera eccessiva, che dura ben oltre un’ora e che è pari alla scala e alla stravaganza della Seconda e della Terza Sinfonia di Mahler. Non solo vanta una delle parti pianistiche più difficili del repertorio, ma nel quinto e ultimo movimento Busoni introduce un coro di voci maschili che intona un mistico “Inno ad Allah” tratto dall’opera Aladino di Adam Oehlenschläger del 1805.

Alfred Brendel ha liquidato il Concerto come “mostruosamente sovrascritto”, ma altri contrastano questa tesi sottolineando l’efficacia con cui il pianoforte è inserito nella trama orchestrale. Inoltre, contrariamente all’idea che la struttura del Concerto sia tentacolare e ingombrante, Busoni sembra aver avuto una chiara idea della sua traiettoria.

La copertina della partitura pubblicata è ornata da una vivida rappresentazione pittorica del suo progetto architettonico in cui il primo, il terzo e il quinto movimento sono raffigurati come tre templi, mentre il secondo è un uccello esotico e il quarto un Vesuvio in eruzione. Quest’ultimo movimento, una tarantella veloce e furiosa, contiene il materiale musicale più sorprendente e inquietante di tutti. Alex Ross lo descrive giustamente come “forse la musica più puramente cinetica scritta tra il ritiro di Rossini e il periodo di massimo splendore di Stravinskij” e come un movimento che cattura “lo stato d’animo di un festival di strada diventato violento”.

Busoni difese strenuamente l’opera del 1912, il Concerto per pianoforte e orchestra, come il culmine del suo primo periodo maturo, aggiungendo che “non indica affatto il futuro, ma rappresenta il presente nel suo momento di nascita”. Per il compositore, il futuro implicava un’inquieta ricerca di nuovi mezzi espressivi. In un’epoca di profondi cambiamenti nel linguaggio musicale, Busoni, come il suo amico Schoenberg, “respirava l’aria di altri pianeti”.

Nel 1907 completò l’abbozzo di una nuova estetica musicale, un libro importante che espone una serie di idee che anticipano i successivi sviluppi musicali del XX secolo. Tra le più significative, l’invito a esplorare la scrittura microtonale e il desiderio di sviluppare strumenti elettronici per ampliare la tavolozza sonora a disposizione dei compositori.

In questo libro, Busoni sostiene la libertà creativa senza limiti per gli artisti, che dovrebbero formulare principi stilistici corrispondenti alla propria visione individuale piuttosto che accettare ciecamente le leggi musicali stabilite. Tuttavia, dopo aver applicato tali regole una volta, dovrebbero distruggerle per evitare di cadere nella ripetizione creativa. Questa massima ha influenzato lo sviluppo musicale di Busoni dopo il Concerto per pianoforte e orchestra.

Una tappa significativa di questo percorso è la Berceuse élégiaque per orchestra, completata nel 1909, che rappresenta un importante allontanamento dal periodo precedente. Questo brano ombroso, con i suoi sottili timbri strumentali e le inquietanti collisioni tra tonalità maggiori e minori, sembra abitare un mondo onirico unico. A quest’opera sfuggente Busoni ha fatto seguire la monumentale e contrastante Fantasia contrappuntistica, originariamente concepita per pianoforte solo, ma esistente anche in un arrangiamento per due pianoforti.

Busoni era consapevole del febbrile ambiente culturale modernista degli anni precedenti la Prima Guerra Mondiale e, in risposta alle ultime opere di Schoenberg, scrisse due delle sue composizioni più sperimentali, la Sonatina seconda per pianoforte e il Nocturne Symphonique per orchestra, entrambe audaci nella loro libertà armonica e nei colori timbrici insoliti. Questi brani riflettono anche l’ossessione del compositore per l’occulto e l’acuto stato di ansia che aveva travolto la civiltà europea in quel periodo.

Dopo aver lasciato la Germania nel 1914 a causa della sua avversione per la guerra, Busoni si rifugiò in Svizzera dove diresse la prima rappresentazione del suo atto unico Arlecchino, basato sulle avventure del noto personaggio della Commedia dell’arte. Quest’opera segna una svolta verso uno stile musicale più oggettivo, etichettato da Busoni come “Giovane Classicismo”, che riflette la padronanza, l’esame e lo sfruttamento di tutti i guadagni degli esperimenti musicali precedenti e la loro inclusione in forme solide e belle, un deciso allontanamento dal tema e un ritorno alla melodia, e la rimozione del “sensuale” e la rinuncia alla soggettività. Mozart diventa una fonte di ispirazione sempre più importante per Busoni, e la sua chiarezza e economia espressiva sono evidenti nel Concertino per clarinetto e piccola orchestra (1918) e nel Divertimento per flauto e piccola orchestra (1920).

Al termine del conflitto Busoni fu a lungo incerto sul suo rientro a Berlino, anche a causa della situazione politica che andava delineandosi. A spingerlo al rientro furono l’offerta di una classe di composizione da parte di Leo Kestenberg (suo ex allievo di pianoforte che allora occupava un posto influente tra gli intellettuali della Repubblica di Weimar) e l’esigenza di rientrare nella sua casa.

Rientrò nel settembre del 1920 e riprese a comporre (la toccata, il valzer danzato, le scene della duchessa di Parma per il Doktor Faust) e intraprese delle tournée all’estero: Londra e Roma.

Fino alla morte risiedette a Berlino, in Viktoria-Luise-Platz 11, dove una targa commemorativa lo ricorda come Musiker, Denker, Lehrer (musicista, pensatore, insegnante).

Busoni morì per una malattia renale nel 1924; la sua tomba si trova nel cimitero di Friedenau a Berlino.

Busoni trascorse gli ultimi anni lavorando al suo magnum opus, l’opera Doktor Faust basata sul dramma per marionette del XVI secolo. L’opera occupava Busoni fin dal 1910, ma alla sua morte, nel 1924, non era ancora del tutto completa.

Alla prima dell’anno successivo a Dresda, il suo allievo Philipp Jarnach completò la musica mancante. Il Doktor Faust è un’opera complessa e semi-autobiografica che incorpora brani musicali preesistenti che Busoni aveva composto nei 15 anni precedenti, intrecciati in un tessuto musicale di grande raffinatezza armonica.

È notevole quanto il compositore fosse rispettato se due musicisti così diversi come Edgard Varèse, con la sua musica avanguardista, e Kurt Weill, con la sua musica popolare, lo considerassero l’influenza musicale più importante delle loro vite. Varèse incontrò Busoni per la prima volta nel 1907 e fu ispirato dalla personalità brillante e caustica del compositore più anziano, nonché dalle sue idee aperte sullo sviluppo della musica che cercò di applicare alle sue opere.

Lo studio compositivo di Weill con Busoni all’inizio degli anni ’20 fu altrettanto significativo nella formazione del suo linguaggio musicale, che adottò molte delle caratteristiche stilistiche del suo maestro. In una toccante testimonianza di gratitudine per Busoni nel 1925, Weill disse: “Quando Busoni morì un anno fa, non abbiamo perso un uomo, ma uno standard. Abbiamo perso la purezza consumata che costituiva la legge primordiale della sua vita. È abbastanza strano che un tale fenomeno sia apparso nel nostro tempo. Anche nel passato, sono poche le figure in cui l’uomo e l’opera si unificano come nel caso di Busoni”.

Foto Nell’immagine il primo prototipo del celebre Bösendorfer Imperial. Fu costruito nel 1909 secondo una richiesta di Ferruccio Busoni. Stava lavorando su una trascrizione di musica organistica di Bach e aveva bisogno di un pianoforte con delle note di basso più gravi. Come risultato fu creato l’Imperial con 97 tasti – otto ottave complete.

Altre informazioni

Busoni è che oltre ad essere un grande compositore, era anche un pianista virtuoso molto apprezzato e un grande amante dell’arte e della letteratura. Nella sua vita aveva accumulato una vasta collezione di libri, opere d’arte e strumenti musicali antichi. Era noto anche per la sua personalità eccentrica e per il suo stile di vita bohémien. In una lettera a un amico, Busoni descrisse se stesso come “un vagabondo solitario in un mondo che non capisco”.

Una curiosità su Busoni: oltre alla sua attività di compositore, pianista e insegnante, era anche un abile restauratore di pianoforti. Busoni aveva una conoscenza approfondita dei meccanismi e della costruzione dei pianoforti, e spesso restaurava strumenti antichi e preziosi. Sviluppò anche alcune innovazioni tecniche per il pianoforte, come il sistema di amplificazione “dynamophone”, che consentiva di aumentare il volume del suono dello strumento.
  • Da non perdere

    Approfondimenti

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Arena di Verona Opera Festival

    Dal 7 Giugno al 7 Settembre ’24

    Festival Verdi di Parma e Busseto, XXIV Edizione

    Dal 21 Settembre al 20 Ottobre ’24

    LacMus Festival 2024

    Dal 9 Luglio al 21 Luglio ’24

    Bologna Festival 2024 – 43ª edizione

    Dal 18 Marzo al 6 Novembre ’24

    Lucca Classica X edizione

    Dal 24 AprileTerminato il 28 Aprile ’24

    Concorsi

    Notizie