Concertisti Classica, la musica classica in Italia
La Musica Classica in Italia
Cerca
Chiudi questa casella di ricerca.
Il Teatro Regio di Torino porta in scena Le villi, primo successo del giovane Puccini
Riccardo Frizza dirige l’opera d’esordio del compositore lucchese nell’allestimento siglato da Pier Francesco Maestrini

Fondazione Teatro Regio di Torino Presenta

“ Stagione d’Opera e di Balletto 2023 – 24 ”
L’articolato omaggio che il Teatro Regio di Torino tributa a Giacomo Puccini nel centenario della scomparsa si arricchisce di un ulteriore prezioso tassello con la messinscena de Le villi, opera d’esordio che nel 1884 portò clamorosamente alla ribalta il compositore 25enne, che si fece subito notare per le sue melodie intense e per la potente scrittura sinfonica.

In cartellone per sei rappresentazioni dal 19 al 26 aprile 2024, Le villi è proposta nel nuovo allestimento firmato dal regista fiorentino Pier Francesco Maestrini, con la direzione musicale di Riccardo Frizza, specialista del repertorio, che sale su podio dell’Orchestra e Coro del Regio, quest’ultimo istruito da Ulisse Trabacchin.

Protagonisti sul palcoscenico, nel ruolo di Anna, il soprano Roberta Mantrgns (in alternanza con Laura Giordano, il 20 e 24); nella parte di Roberto, il tenore Azer Zada (nella recita del 20, Raffaele Abete), e in quella di Guglielmo Wulf, il baritono Simone Piazzola (il 20 e 24, Gëzim Myshketa).

Il regista Maestrini, per la prima volta al Regio, per la sua evocazione del mondo ultramondano e demoniaco di avvale delle scene di Guillermo Nova, dei costumi di Luca Dell’Alpi, della coreografia di Michele Cosentino, anche assistente alla regia, e delle luci di Bruno Ciulli.

Ideata inizialmente come atto unico, l’opera-ballo Le Willis, su libretto di Ferdinando Fontana, fu composta da Puccini –  venticinquenne e neodiplomato al Conservatorio di Milano –  per partecipare ad un concorso bandito dall’editore Sonzogno. Puccini non vinse il concorso, ma riuscì a far rappresentare l’opera al Teatro Dal Verme di Milano, dove debuttò il 31 maggio 1884 in una sala gremita, riscuotendo un trionfo. Il giovane compositore scrisse alla madre: «Successo clamoroso. Diciotto chiamate. Ripetuto tre volte finale primo. Sono felice».

Per la rappresentazione successiva, il 26 dicembre 1884 proprio al Teatro Regio di Torino, Puccini approntò in tempi record una versione ampliata, con nuove arie e un nuovo intermezzo orchestrale, e modificò il titolo che divenne Le villi. Il pubblico apprezzò l’abile combinazione di tradizione italiana ed elementi wagneriani e l’accolse in trionfo. Seguirono altre rappresentazioni memorabili: ad Amburgo nel 1892 con la direzione di Gustav Mahler e al Metropolitan di New York nel 1908 con Arturo Toscanini sul podio.

Il soggetto si rifà ad un’antica leggenda di origine slava e ben nota anche nell’Europa Centrale: le Villi sono creature ultraterrene maligne e spietate vendicatrici, spiriti di giovani fanciulle morte per amore perché tradite o abbandonate. Non potendo trovare il riposo eterno, esse  cercano i traditori costringendoli a ballare convulsamente fino a provocarne la morte; allora le villi si dileguano e con esse svanisce, finalmente placato, il fantasma della giovane morta per amore.

La leggenda venne narrata dal poeta tedesco Heinrich Heine nel suo libro De l’Allemagne, e da qui arrivò allo scrittore francese Théophile Gautier, che in collaborazione con il drammaturgo Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges ne trasse il libretto per il celeberrimo balletto romantico Giselle ou Les Willis, ideato per Carlotta Grisi e musicato da Adolphe Adam nel 1841, lavoro che rese la sinistra leggenda familiare al più vasto pubblico teatrale,

Ferdinando Fontana, versatile scrittore ‘scapigliato’ e librettista dei giovani Puccini, certamente conosceva queste fonti, ma si rifece più direttamente al racconto Le Willis (Contes et Nouvelles, 1852) che lo scrittore un giornalista francese Alphonse Karr dedicò al medesimo soggetto.

Nell’opera di Puccini, ambientata in un villaggio della Foresta Nera, sarà Anna a trasformarsi in una villi: figlia del ricco possidente Guglielmo Wulf, è fidanzata con Roberto, che recandosi a Magonza per prendere possesso di un’eredità, dimenticherà la promessa sposa e la tradirà. Con il cuore infranto, Anna morirà di dolore e, diventata villi, si vendicherà dell’amante infedele costringendolo a partecipare a una danza infernale e frenetica che lo lascerà senza vita.
Il Teatro Regio di Torino porta in scena Le villi, primo successo del giovane Puccini

Altre informazioni di interesse

Venerdì 19 aprile al Piccolo Regio Puccini si terrà il convegno  “Un genio al debutto. Gli anni giovanili di Giacomo Puccini“, organizzato dal Centro Studi Giacomo Puccini e dal Teatro Regio.

Interpreti

Riccardo Frizza direttore d’orchestra
Pier Francesco Maestrini regia

Guillermo Nova scene
Luca Dell’Alpi costumi
Michele Cosentino coreografia
Bruno Ciulli luci

Ulisse Trabacchin maestro del coro
Orchestra e Coro Teatro Regio Torino

Personaggi e interpreti
Anna Roberta Mantegna /
Laura Giordano (20, 24)
Roberto Azer Zada /
Raffaele Abete (20)
Guglielmo Wulf  Simone Piazzola /
Gëzim Myshketa (20, 24)

Nuovo allestimento Teatro Regio Torino

Programma

Le Villi
Opera-ballo in due atti

Musica di Giacomo Puccini
Libretto di Ferdinando Fontana

Prima rappresentazione assoluta
Milano, Teatro Dal Verme, 31 maggio 1884

Repliche

19 aprile 2024 ore 20 ‘prima’ repliche 20, 21, 24 aprile ore 15 23 e 26 aprile ore 20

Chi organizza

Fondazione Teatro Regio di TorinoIl Teatro Regio di Torino… altro

Leggi Tutto

Ti potrebbe interessare

Riccardo Frizza𝄞 Direttore d’orchestra

Leggi Tutto

Concertisti Classica

cc_concertisti_classica_g_b_r
Ti potrebbe interessare
  • Da non perdere

    Approfondimenti

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Arena di Verona Opera Festival

    Dal 7 Giugno al 7 Settembre ’24

    Festival Verdi di Parma e Busseto, XXIV Edizione

    Dal 21 Settembre al 20 Ottobre ’24

    LacMus Festival 2024

    Dal 9 Luglio al 21 Luglio ’24

    Bologna Festival 2024 – 43ª edizione

    Dal 18 Marzo al 6 Novembre ’24

    Lucca Classica X edizione

    Dal 24 AprileTerminato il 28 Aprile ’24

    Concorsi

    Notizie