Concertisti Classica
Federico
Colli

"La musica crea bellezza solo se avvicina alla verità" (Federico Colli)

Federico Colli ha rapidamente conquistato la notorietà internazionale per le sue interpretazioni avvincenti e poco convenzionali, caratterizzate da una straordinaria originalità e dall’approccio fortemente filosofico

Elogiato dal Daily Telegraph per “il suo tocco meravigliosamente leggero e la sua eleganza lirica” e definito dalla rivista Gramophone “uno dei pensatori più originali della sua generazione”, Federico Colli si è rapidamente conquistato la fama a livello mondiale perle sue interpretazioni avvincenti e non convenzionali, oltre che per la limpidezza della sua sonorità. La straordinaria originalità e l’approccio alla musica fortemente ingegnoso e filosofico hanno reso prodigiose e multidimensionali le sue esibizioni e incisioni. La sua prima registrazione di Sonate di Domenico Scarlatti, incisa per Chandos Records, a cui è legato da un rapporto di esclusiva, ha ricevuto il premio di Recording of the Year di Presto Classical. Il Secondo Volume delle Sonate di Scarlatti, è stato premiato Recording of the Month dal BBC Music Magazine e dall’International Piano Magazine ed è stato scelto da BBC Music Magazine come uno dei migliori album di musica classica del 2020.


Dopo aver vinto il Concorso Mozart di Salisburgo nel 2011 e la Medaglia d’oro alla The Leeds International Piano Competition nel 2012, International Piano Magazine lo ha selezionato come uno dei “30 pianisti under 30 che in prospettiva potranno dominare la scena negli anni a venire”. Da allora, Federico Colli si è esibito con orchestre prestigiose, fra le quali l’Orchestra Mariinsky e la Filarmonica di San Pietroburgo, la Philharmonia Orchestra, la Royal Philharmonic, la BBC Symphony e la BBC Philharmonic, la Royal Liverpool Philharmonic, la Filarmonica Reale di Stoccolma, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Sinfonica della RAI e l’Orchestre national d’Île-de-France. Ha anche collaborato con direttori d’orchestra del calibro di Valery Gergiev, Vladimir Ashkenazy, Yuri Temirkanov, Juraj Valčuha, Ion Marin, Thomas Søndergård, Ed Spanjaard,Vasily Petrenko, Jasper Kaspszyk, Ed Spanjaard, Sir Mark Elder, Dennis Russel Davies e Sakari Oramo.


Federico Colli, uno dei più prolifici e intriganti interpreti di recital, si è esibito in alcune delle sale più prestigiose del mondo, fra cui il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Konzerthaus di Berlino, la Herkulessaal di Monaco, la Gewandhaus di Lipsia, il Royal Concertgebouw di Amsterdam, la Royal Albert Hall e la Royal Festival Hall di Londra, il Rudolfinum di Praga, la Philharmonie di Parigi, l’Auditorium Parco della Musica di Roma, la Nikkei Hall di Tokyo, la Hong Kong City Hall, la Seoul Kumho Art Hall, il Lincoln Centre di New York e la Bennet Gordon Hall di Chicago. È stato inoltre ospite di numerosi Festival, tra cui: il Festival Pianistico della Ruhr a Dortmund, il Dvorak International Festival a Praga, lo Chopin and his Europe Festival di Varsavia, il Festival di Lucerna e il Ravinia Festival a Chicago.


Gli appuntamenti nella stagione 2021/2022 prevedono l’esecuzione del Concerto per pianoforte di Grieg insieme all’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo, il Concerto n. 3 per pianoforte di Bartok con l’Orchestra di Padova e del Veneto, il Concerto per pianoforte K. 488 di Mozart con l’Orchestra Sinfonica Siciliana, il Concerto per pianoforte n. 4 di Beethoven con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e il Concerto n. 2 per pianoforte di Shostakovich con la Sichuan Orchestra of China. Gli appuntamenti in recital includono esibizioni alla Elbphilharmonie di Amburgo, la Konserthuset di Stoccolma, la Ehrbar Saal di Vienna per la Bechstein Piano Series, la Town Hall di Leeds, una tournée di recital in Nord America (Herbst Theatre di San Francisco, Gilmore Rising Stars Series e Chopin Society di Vancouver) e un recitalin duo insieme al violinista Josef Špaček al Rudolfinum di Praga.


Oltre alle esibizioni dal vivo, Federico Colli è impegnato anche in un fitto programma di registrazioni. Le sue future pubblicazioni per Chandos includono un progetto di musica russa focalizzato su Shostakovich e Prokofiev, oltre a un lavoro lungo cinque anni e di più incisioni dedicato a Mozart e al suo repertorio di musica da camera solista. Grazie al suo amore per la musica, durante la pandemia Federico Colli ha dato vita a una serie di brevi video per il suo canale YouTube concepita per riscoprire la Fantasia in do minore K475 di Mozart e per dare il giusto posto alle idee musicali del compositore all’interno di un contesto storico e culturale. Ispirato dal mistero che avvolge la genesi di tale opera, Federico Colli ha creato un avvincente racconto basato sulla sua profonda conoscenza delle biografie e lettere di Mozart, oltre che alla storia e alla cultura del XVIII secolo.


Nato a Brescia nel 1988, Federico Colli ha studiato al Conservatorio di Milano, all’Accademia Internazionale di Pianoforte di Imola e al Mozarteum di Salisburgo, sotto la guida di Sergio Marengoni, Konstantin Bogino, Boris Petrushansky e Pavel Gililov.


*
(Foto in alto ©Nicola Malnato, sotto ©Roberto Mora)
concertisti-classica-logo-80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
  • Condividi

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti