Concertisti Classica
Ernani torna al Maggio Musicale Fiorentino dopo quasi 60 anni; sul podio James Conlon, la regia è di Muscato, protagonisti Meli, Siri, Frontali
Al Festival d’Autunno del Maggio prosegue il filone delle opere ‘spagnole’ di Verdi, dopo Il trovatore e prima di Don Carlo che concluderà la trilogia , alla quale è dedicato anche un convegno internazionale

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Presenta

“ Festival d’Autunno del Maggio – Dedicato a Giuseppe Verdi ”
Al Maggio Musicale Fiorentino va in scena Ernani, terza opera in cartellone nell’ambito del Festival d’Autunno dedicato a Giuseppe Verdi: giovedì 10 novembre 2022 (ore 20) nella Sala Mehta la prima rappresentazione, e altre quattro recite sono previste il 13, 15, 18 e 20 novembre. La recita del 10 novembre sarà trasmessa in diretta radiofonica da Rai Radio3.

Sul podio salirà James Conlon, alla guida del Coro e dell’Orchestra del Maggio; il direttore newyorkese – che torna a Firenze a pochi mesi dal concerto tenuto lo scorso febbraio – ha un legame quasi 40ennale con il Maggio, dove debuttò nel 1985 con Don Carlo. Ernani sarà il diciassettesimo titolo verdiano diretto nel corso della sua carriera.

La regia della nuova produzione è affidata a Leo Muscato, che al Maggio Fiorentino nel 2020 mise in scena un’altra opera giovanile di Verdi, Nabucco. Firma le scene Federica Parolini, i costumi sono curati da Silvia Aymonino, le luci da Alessandro Verazzi.

Il cast vocale schiera grandi protagonisti, Francesco Meli come Ernani, María José Siri nel ruolo di Elvira, Roberto Frontali nella parte di Don Carlo e Vitalij Kowaljow in quella di Don Ruy Gómez de Silva. Con loro, Xenia Tziouvaras come Giovanna, Joseph Dahdah, Don Riccardo, e Davide Piva nel ruolo di Jago. Il maestro del Coro del Maggio è Lorenzo Fratini.

Ernani di Giuseppe Verdi, opera in quattro atti su libretto di Francesco Maria Piave dall’omonimo dramma di Victor Hugo, debuttò il 9 marzo 1844 al Teatro La Fenice di Venezia.

L’opera torna sul palco fiorentino dopo un’assenza di quasi sessant’anni – l’ultima rappresentazione risale infatti al 1965, diretta da Bruno Rigacci per la regia di Filippo Crivelli – ed è la seconda delle tre opere a tema spagnolo in cartellone al Festival d’Autunno, dopo Il trovatore e prima di Don Carlo, in cartellone dal prossimo 27 dicembre all’8 gennaio ’23 a chiusura della trilogia.

E proprio a “Verdi e la Spagna” è dedicato il convegno internazionale organizzato per l’occasione dal Maggio e curato da Giovanni Vitali e Giancarlo Landini: in programma dall’11 al 13 novembre, sarà aperto dal sovrintendente Alexander Pereira, al quale faranno seguito – suddivisi in 4 sessioni – gli interventi di autorevoli studiosi ed esperti, Mattia Palma, Gaia Varon, Paola Ciarlantini, Giancarlo Landini. Pol Avinyò, Silvio Balloni, Giovanni Vitali, Leticia Ruiz Gòmez, Juan Carlos D’Amico, Michaela Valente, Piero Mioli, Felice Todde, Giovanni Bietti. L’ingresso è libero fino a esaurimentro dei posti.

*

(Immagine in alto, Francesco Meli, photocredit ©Michele Monasta; Maria Josè Siri, photocredit ®Camille Dà)
Ernani torna al Maggio Musicale Fiorentino dopo quasi 60 anni; sul podio James Conlon, la regia è di Muscato, protagonisti Meli, Siri, Frontali

L’opera

Dramma lirico in quattro parti su libretto di Francesco Maria Piave, Ernani debuttò al Teatro la Fenice di Venezia il 9 marzo 1844. Per Verdi era il primo ingaggio in un teatro diverso dalla Scala che gli consentì non solo di cimentarsi con un nuovo pubblico e nuove esigenze, ma anche di incontrare il giovane poeta muranese Piave, con cui avrebbe instaurato un lungo rapporto lavorativo e di amicizia. Il libretto fu tratto dal dramma di Victor Hugo Hernani, considerato all’epoca un caposaldo del romanticismo teatrale e letterario francese. La trama, ambientata nella Spagna di inizio Cinquecento, intreccia i due piani narrativi dell’azione e del sentimento. Ernani, bandito a capo della congiura contro re Carlo e sotto le cui mentite spoglie si nasconde il nobile Don Giovanni d’Aragona, ama perdutamente Elvira, già promessa sposa allo zio Don Ruy de Silva, ma desiderata anche dal re. Oltre al quadrilatero amoroso caratterizzato dall’eterno conflitto amore vs onore, nell’opera si susseguono duelli, rivolte, mascheramenti e colpi di scena accompagnati da una musica dal ritmo incalzante, con continui cambi di marcia e con il piglio appassionato delle melodie solistiche e corali che garantirono al quinto titolo verdiano il favore del pubblico fin dalle prime repliche.

Interpreti

Maestro concertatore e direttore
James Conlon

Regia Leo Muscato
Scene Federica Parolini
Costumi Silvia Aymonino
Luci Alessandro Verazzi

Nuovo allestimento

Coro e Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro del Coro
Lorenzo Fratini

Cast Ernani
Francesco Meli
Elvira
María José Siri
Don Carlo
Roberto Frontali
Don Ruy Gómez de Silva
Vitalij Kowaljow
Giovanna
Xenia Tziouvaras
Don Riccardo
Joseph Dahdah
Jago
Davide Piva

Programma

Giuseppe Verdi Ernani

opera in quattro atti
libretto di Francesco Maria Piave
da Hernani di Victor Hugo

Repliche

10 novembre 2022 ore 20.00 13 novembre 2022 ore 15.30 15 novembre 2022 ore 20.00 18 novembre 2022 ore 20.00 20 novembre 2022 ore 15.30

Luogo

Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
È una delle 14 Fondazioni Lirico-sinfoniche italiane

Scopri di più

Correlati

Maurizio Pollini e Martha Argerich al Maggio Musicale Fiorentino
Il 29 ottobre suonerà Maurizio Pollini, insieme al direttore Zubin Mehta e all’Orchestra. . .

Scopri di più

Concertisti Classica

concertisti-classica-logo-80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
  • Condividi

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti