Concertisti Classica
Camille Saint-Saëns: Tarantelle, per flauto, clarinetto e pianoforte op. 6
Quando compose questa Tarantella nel 1857, Camille Saint-Saëns potrebbe essere stato relativamente giovane dal punto di vista cronologico ma non nella sua evoluzione musicale.

Bambino prodigio estremamente precoce, Saint-Saëns aveva già completato tre sinfonie (tra tante altre) e vinto il primo premio in organo al Conservatorio di Parigi, oltre a godere dell’ammirazione di musicisti come Berlioz, Liszt e Rossini (la sua prima esibizione in pubblico avvenne all’età di cinque anni, quando accompagnò al pianoforte una sonata per violino di Beethoven).

Fu Rossini, infatti, a lanciare Tarantelle di Saint-Saëns e a conquistare il plauso universale nella Parigi gremita di cricche musicali, con un astuto e generoso stratagemma. Da tempo ritiratosi dall’attiva carriera operistica, il compositore regnò come un grande vecchio nella Parigi musicale, ben famoso per il suo luccicante salone, dove invitò Saint-Saëns a presentare questa Tarantella.

“Dato che non c’era mai un programma scritto per quelle serate, Rossini fece sapere che il pezzo era suo”, scrisse Saint-Saëns molto tempo dopo. “Puoi immaginare l’entità del successo in tali condizioni! Quando il pezzo fu al bis, Rossini mi condusse in sala e mi fece sedere accanto a lui, prendendomi per mano perché non potessi scappare. Poi venne un corteo di ammiratori e cortigiani. «Ah, maestro! Che capolavoro! Che musica meravigliosa!” E quando ebbero finito la gamma di congratulazioni, Rossini rispose con calma: “Sono completamente d’accordo. Ma il lavoro non è mio, è di questo gentiluomo qui”. Una tale combinazione di gentilezza e finezza dice di più su questo grande uomo di molti saggi”. 

A quel punto Saint-Saëns suonò la parte al pianoforte, con il flautista Louis Dorus e il clarinettista Adolphe Leroy.

L’opera ottenne una grande popolarità e nel 1879 il compositore orchestrò la parte per pianoforte.

La Tarantella prende il nome dalla città di Taranto e circolava l’idea che questa danza vivace potesse in qualche modo disperdere la tossina del morso di una tarantola, benché questa teoria fosse ben smentita, la danza era veramente popolare nel 19° secolo, e sicuramente apprezzata per la sua energia selvaggia.

Tarantelle di Saint-Saëns richiede tutto il virtuosismo atletico che ci si possa aspettare dai due suonatori di fiati, sostenuto da un ostinato e spietato esecutore al pianoforte.

 

Camille Saint-Saëns

Charles Camille Saint-Saëns (Parigi, 9 ottobre 1835 – Algeri, 16 dicembre 1921)

concertisti-classica-logo-80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
ADV-G2
  • ADV0

    Condividi

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Alceste
    Alceste Musica di Christoph Willibald. . .
    Roma, 4 Ottobre alle 20:00

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti

    Notizie

    ADV0