Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Anna Bonitatibus inaugura il Paisiello Festival a Taranto
“Oltreconfine – Musica e musicisti della nuova Europa”, un imperdibile e raffinatissimo recital per l’edizione 2021 del festival posta sotto il segno di Napoleone

Associazione Amici della Musica “Arcangelo Speranza” Presenta

“ XIX Giovanni Paisiello Festival – 2021 ”
Si inaugura il 20 settembre (ore 21) con uno splendido concerto di Anna Bonitatibus la XIX edizione del Giovanni Paisiello Festival di Taranto.

Al Teatro Comunale Fusco, accompagnata al pianoforte da Adele D’Aronzo, il celebre mezzosoprano proporrà un florilegio di musiche di Paisiello, Cherubini, Spontini, Haydn, Beethoven, Schubert, Rossini e altri autori, musiche che circolavano nei salotti parigini negli anni in cui Napoleone preparava la sua salita al soglio imperiale.

Il Giovanni Paisiello Festival coglie infatti lo spunto della ricorrenza del bicentenario della morte di Napoleone per indagare i rapporti tra il grande compositore tarantino e il generale francese. Bonaparte è stato uno dei più ferventi ammiratori di Paisiello, tanto da chiamarlo a Parigi nel 1801, strappandolo al Re di Napoli.

Una caratteristica fondante del Paisiello Festival, come sottolinea il direttore artistico Lorenzo Mattei, da sempre è lo stretto legame tra le esecuzioni musicali e la ricerca musicologica più attuale, nell’intento di valorizzare e diffondere la conoscenza non solo dell’opera di Giovanni Paisiello, ma anche del contesto musicale e culturale della sua epoca.

Perfetta quindi la scelta di aprire la rassegna con lo squisito recital di Anna Bonitatibus, apprezzatissima specialista del repertorio vocale di primo Ottocento, e star delle scene internazionali. La cantante si è fatta particolarmente notare per aver riscoperto e valorizzato il repertorio cameristico inedito degli anni d’interregno tra la morte di Cimarosa (1801) e l’esordio di Rossini (1810).

*

Anna Bonitatibus

Vincitrice dell’ International Opera Awards, per Semiramide – La Signora regale, (2015) e Best Female Voice Finalist IOA (2016), l’anti-Diva, come ama definirsi, Anna Bonitatibus si distingue per la nobile passione con la quale interpreta i titoli tra i più celebri del teatro musicale come per l’instancabile impegno con il quale promuove la divulgazione del repertorio meno conosciuto. Settanta i titoli rappresentati del suo repertorio, dai capolavori assoluti di Claudio Monteverdi alle opere tornate alla ribalta di Francesco Cavalli (Didone, Ercole amante, Calisto) passando per la produzione operistica di Händel (Agrippina, Deidamia, Giulio Cesare, Orlando, Tamerlano, Tolomeo, Ottone, Il Trionfo del Tempo e del Disinganno) e dei compositori di scuola napoletana, da Pergolesi a Cimarosa, sino al suo amato Gioachino Rossini: La Cenerentola, Il Barbiere di Siviglia, L’Italiana in Algeri, Il Viaggio à Reims, Tancredi, e ancora Cantate, Messe e i rari e preziosi Péchés de Vieillesse del pesarese.

Dai primi passi al Teatro alla Scala, alla Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera, al Théâtre des Champs-Elysées a Parigi, al Teatro Real di Madrid, La Monnaie di Bruxelles, Staatsoper di Vienna, Royal Opera House di uLondra, Festivals (Salisburgo, Firenze, Monaco, Bologna, Grange) e nelle sale da concerto internazionali più rinomate (dalla Russia agli Stati Uniti), Anna Bonitatibus ha collaborato con i direttori d’orchestra e i registi tra i più prestigiosi: Sir Charles Mackerras, Riccardo Muti, Sir Antonio Pappano, René Jacobs, William Christie, Ivor Bolton, Myung Whun Chung, Alan Curtis, Roberto Abbado, Ottavio Dantone, Marc Minkowski e Luca Ronconi, Jerome Savary, Pier Luigi Pizzi, Dario Fo, David McVicar, David Alden, Sir Jonathan Miller, Kasper Holten, Emilio Sagi, Sven-Eric Bechtolf, David Pountney.

Accanto all’attività artistica Anna Bonitatibus è impegnata nella ricerca e promozione della Lirica italiana da camera attraverso la Casa editrice musicale Consonarte — Vox in Musica, da lei fondata e che si avvale della collaborazione di esperti musicisti e studiosi provenienti da rinomate università europee. Il progetto mira alla rivalorizzazione internazionale di questo immenso patrimonio musicale.

(Photocredit Anna Bonitatibus: Frank Bonitatibus)

Interpreti

Anna Bonitatibus, mezzosoprano
Adele D’Aronzo, pianoforte

Programma

Musiche di Paisiello, Cherubini, Haydn, Beethoven, Dussek, Crescentini, von Winter, Colbran, Paër, Clementi, Schubert, Rossini

In Evidenza

Per maggiori informazioni sul Giovanni Paisiello Festival consulta il nostro articolo: www.concertisticlassica.com/giovanni-paisiello-festival-2021-a-taranto

Autore: Uber Bertiè

concertisti-classica-logo-80x80
ADV-G2
Ti potrebbe interessare
  • ADV0

    Condividi

    Condividi su facebook
    Condividi su twitter
    Condividi su linkedin
    Condividi su whatsapp

    I più cliccati

    Concerti

    Opera

    Stagione Concertistica

    Festival

    Concorsi

    Approfondimenti

    Aggiornamenti recenti

    Notizie

    ADV0